venerdì 9 dicembre 2011

Trapuntina di calamaro





Oggi, con questo post, volevo regalarvi una tecnica che si usa nei calamari per renderli teneri ma, prima di tutto capiamo cosa sono questi alimenti.

Il calamaro è un mollusco appartenente alla famiglia dei cefalopodi come la piovra e la seppia. Ha una forma affusolata e lunga, principalmente è bianco grigio, con sfumature rosa.

La sua carne è molto apprezzata e il più delle volte si usa farlo fritto tagliandolo a rondelle. La tecnica che vi spiego oggi serve per fare un buonissimo calamaro al forno o in una piastrina antiaderente, facendo si che le sue carni rimangano morbide.

Per prima cosa bisogna lavarlo sotto l'acqua corrente, togliere la testa e i tentacoli. Una volta svuotato e sciacquato anche nel suo interno, si procede aprendolo in un lato.

Una volta aperto bisogna inciderlo nel suo interno creando dei tagli in maniera obliqua. Si condisce con poco sale, pepe prezzemolo e pane aromatico.



La cottura deve essere brevissima 3 minuti al massimo e deve avere una temperatura elevata sui 300°C questo gli permetterà di arriciarsi e dorarsi al punto giusto dandogli il classico aroma. 






Nella tabella che segue, vi lascio anche i valori nutrizionali dei calamari.

Nessun commento:

Posta un commento