lunedì 31 ottobre 2011

Signoraggio bancario


Tutto quello che apprendi dai media è totalmente falso. I comunicati dei presidenti delle nazioni occidentali per giustificare la guerra alla Libia con la scusa di fermare la violazione dei diritti umani nei confronti del popolo libico sono pura ipocrisia. Non gliene frega nulla a chi fa tali altisonanti comunicati, tutti continuano a fare sonni tranquilli, stanno solo seguendo un copione preparato tanto tempo fa.

La fiducia nel dollaro sta letteralmente evaporando in tutto il mondo, la politica di Obama non rassicura certamente, mettendo sul gobbo dei cittadini americani il denaro rubato dalle banche tramite i vari imbrogli con la cosiddetta bolla immobiliare e altre bolle meno note, ha dato inizio a una crisi irreversibile e inizieremo a vederne gli effetti verso la fine del 2011.

I politici stanno mentendo riguardo al deficit federale mentre gli investitori internazionali guardano le montagne di debiti senza possibilità che possano essere saldati e che si accumulano più velocemente che in qualsiasi altro punto della storia americana!
Sto parlando dell’America, ma la situazione si sta replicando in tutto il mondo occidentale.

Se non sei nato prima del 1929 ora sei di fronte alla crisi economica più minacciosa della tua vita … e forse anche se sei nato prima del 1929…

Ignorare questa possibile eventualità può far si che di debba dire addio ai propri risparmi, alla pensione, al posto di lavoro e alla sicurezza finanziaria. E’ necessario prendere qualche precauzione, senza preoccuparsi, chi si deve preoccupare è solo chi non è al corrente di quello che sta avvenendo.

E’ necessario per garantire il benessere e la prosperità della propria famiglia!

Per capire meglio quello che sto scrivendo, vi consiglio caldamente di vedere il video quì sotto:





Credo in oltre, che non sia troppo tardi per poter fare qualcosa...
ma credo che bisogna farlo alla svelta.

Il fondo salva stati dopo l’esborso dei finanziamenti alla Grecia, a Portogallo ed Irlanda avrà ancora a disposizione solo 200 miliardi di euro, con i quali dovrebbe ricapitalizzare le banche europee, intervenire sul mercato dei capitali per sostituire la Banca centrale europea nel tentativo di calmierare i rendimenti dei titoli di stato italiani e spagnoli e aiutare altri Paesi in crisi. 

Se l’aritmetica non è un’opinione, i soldi non basteranno. Anzi il Fondo salva-Stati europeo è un altro tassello di quel fragile castello di carte che sorregge l’enorme quantità di debiti dell’economia mondiale. Non si può far finta di saldare i debiti facendo altri debiti e come ha detto un ministro slovacco 
questo Fondo europeo è paragonabile al “folle tentativo di spegnere un incendio con un ventilatore”

venerdì 28 ottobre 2011

Mini corso gratuito "Canederli che passione"



CANEDERLI CANEDERLI CANEDERLI!!!

Wow, quest'oggi mi sento buono e voglio regalarvi delle mie buonissime  ricette.

Ricette sui canederli, piatto molto raffinato che si prepara con il pane.

Questi speciali "gnocchi" si possono accompagnare con tutti gli intingoli, pomodoro, ragù di cervo o cinghiale, con il capriolo e con tutto quello che la vostra fantasia vi ispira.

Sono molto invitanti anche nella versione "asciutta" e permetto di recuperare il pane che avete avanzato.

Potete anche prepararli in anticipo, invitare i vostri amici e servirli senza dover più sporcare la cucina.
Beh penso di avervi già detto troppo... se vuoi scrivi quì il tuo nome e la tua email e io ti spedirò tutte le ricette GRATIS.















martedì 25 ottobre 2011

Quali crimini non commettere contro il nostro stomaco. "Miele"




L'attività di apicoltura è un universo da scoprire.

Lo sfruttamento delle api nella produzione e nell'utilizzo del miele prende origine dalla lavorazione che le api fanno del nettare, nella necessita di accumulare scorte di nutrimento per la stagione invernale.

Ogni elaborazione delle api, comunque, realizza prodotti utilizzabili dall'uomo: melata, polline, propoli, pappa reale.

Il miele, dolcificante naturale, per la sua composizione di zuccheri semplici,  è un cibo altamente energetico e dolcificante. Non necessita di nessuna trasformazione: è pronto per essere consumato così come viene prodotto.

Il nettare, materia prima di origine vegetale, è una sostanza zuccherina che le piante producono per attirare insetti che trasporteranno a loro volta il polline. Piante diverse, danno origine a mieli diversi.

Abbiamo così un ampia gamma di mieli di diverse proprietà. l miele prende il nome dalla pianta da cui è stato elaborato il nettare; laddove non è individuabile un'unica provenienza, viene dato il nome "Millefiori"quando l'alveare è posto in zone pianeggianti ed erbose, oppure "di Bosco", quando l'alveare si trova in zone boschive.

Prodotto naturale per eccellenza, il miele può essere messo in vaso....

giovedì 20 ottobre 2011

Il mondo è cambiato – vecchie professionalità affondano, nuove professionalità emergono


Ci sono tre gruppi di persone particolarmente in difficoltà, in questo momento storico:
Il primo è quello dei giovani (specialmente 30-35 anni), che qualcuno chiama in modo eclatante la “generazione 1.000 euro“.
Un esercito di giovani menti, ultra preparate, alcune plurilaureate, che non trovano un lavoro decente, e che quando lo trovano (nella migliore delle ipotesi) non è certamente un lavoro fisso.
Questi sono i figli del “mito” educativo degli ultimi 50 anni: “studia, laureati come io (padre) non ho potuto fare, che così potrai costruirti un futuro in qualche grande azienda”.
Il secondo è quello dei “professionisti vecchio stile”, di solito più avanti con l’età, che oggi fanno una fatica terribile ad acquisire nuovi clienti, a mantenere un tenore di vita decente, e che tutto d’un tratto non vedono più prospettive di crescita per il futuro.
In questo gruppo rientrano anche tutti coloro che avevano un “buon lavoro” fino a poco tempo fa, e che ora o sono rimasti a casa, oppure quel buon lavoro non è più tanto buono, perché le condizioni economiche sono cambiate…
Il terzo è quello degli imprenditori, o aspiranti tali, e/o individui animati da un forte spirito “imprenditoriale”. Un tempo era (relativamente) facile “decollare” con una buona idea imprenditoriale. Qualche sbaglio, qualche “caduta” e poi ci si rialzava, spesso fortificati dalle esperienze (e dagli sbagli) precedenti.
Oggi è cambiato tutto. Una fiscalità “cattiva”, illogica e senza criterio (pensata a tavolino da burocrati con zero esperienza imprenditoriale) e le mutate condizioni economiche rendono difficilissimo (per non dire improbabile) ciò che un tempo era “ordinaria amministrazione” (cioè: avviare e far crescere un’azienda piccola, ma sana, profittevole).
Che tu faccia parte del gruppo uno, due o tre: questo report è pensato per te!
Scopo di questo articolo è quello di:
  • aiutarti ad analizzare la situazione attuale con occhi diversi
  • svelare in quale direzione sta andando il cambiamento

domenica 16 ottobre 2011

Difficoltà a digerire?





Questa recensione ha lo scopo di poter aiutare quelle persone che hanno difficoltà a digerire. 

Pe
r digerire perfettamente è necessaria questa prerogativa: il monopiatto. 
Non hai ancora presente cosa significhi monopiatto? 

Partiamo dal presupposto che il nostro stomaco NON è l' inceneritore che brucia tutto! 
Non puoi mangiare qualsiasi cosa ti capiti sotto gli occhi ed pensare che tanto il tuo apparato digerente scioglierà tutto quanto! 


Secondo i principi igienisti del Dott. Shelton, ogni alimento ha il succo gastrico preposto a digerirlo. 
Cioé:
Prendiamo come esempio per gli amidi, la patata. 
La patata inizia la sua digestione nella bocca. E il segreto per digerire perfettamente gli amidi (patata, pasta, pane, riso, zucca, castagne, ecc..) è la masticazione, e ancora più in particolare, l' insalivazione... Più c' è insalivazione più la digestione degli amidi viene facilitata. Quando ti ritrovi in punta di forchetta la patata, tieni bene in mente questo principio (che non ho inventato io, s' intende, ma che arriva dalla scuola igienista) 

E' diverso infatti il discorso delle proteine, la cui digestione avviene all' interno dello stomaco. In questo ambiente infatti viene rilasciata la pepsina, l' enzima dedicato alla digestione della carne, del latte e delle uova. 
Due enzimi diversi, quindi, per patata e per latte


Ecco perché il purè, per digerire, è una di quelle combinazioni che rendono la tua digestione un calvario.

Questo succede perché gli enzimi fanno a pugni tra loro: il tuo processo digestivo non è per niente in grado di digerire entrambi, così la digestione delle proteine viene messa momentaneamente in stand-by. Il tuo stomaco processa così prima la patata, e successivamente, il latte. 

Ora te la metto giù facile facile, ma la cosa è ben più complessa: i tuoi organi digestivi iniziano un super lavoro che richiede al tuo organismo un sacco di attività! 
Tieni conto che per digerire il nostro organismo impiega almeno 3 ore! 
Torniamo alle nostre difficoltà digestive, perché è rimasto da digerire il latte... che nel frattempo è rimasto li in questo ambiente buio (lo stomaco) a fermentare e a foderare per bene la tua parete gastrica (sono parecchio sconsigliati i latticini e i derivati)... prova ad immaginare anche quando mangiamo patate e carne... la carne resta nello stomaco umido e buio a fermentare creando PUTREFAZIONI come i cadaveri in decomposizione... ti è già passata la voglia di mangiarne ancora, non è così?? 


Non so se hai voglia di approfondire ancora, perché il discorso è veramente lungo e il Dott. Shelton e la scuola igienista hanno veramente portato alla luce (più di 50 anni fa) principi che ancora oggi sono totalmente sconosciuti!!! 
Ecco perché ti invito ad iscriverti gratuitamente a questo sito: www.acidita.eu 
Troverai ogni singola risposta ad ogni tuo dubbio per digerire, per migliorare la tua difficoltà a digerire....



Articolo tratto da www.acidita.eu/per-digerire.html

mercoledì 12 ottobre 2011

Da Bruno Editore l'ebook: "Ma Obama ha usato l'ipnosi?"







Scrivere le chiavi di ricerca “Obama” e “hypnosis” su Google riserva sorprese. I risultati mostrano infatti una serie di documenti, che rivelerebbero una stupefacente verità sul 44° presidente degli Stati Uniti: Barack Obama avrebbe utilizzato l’ipnosi nella sua lunga e vincente campagna elettorale. Ne hanno già parlato le principali testate americane e adesso la voce si è diffusa come un tam tam inarrestabile anche su Internet.

A parlare del caso sarà per la prima volta in Italia un ebook di Bruno Editore in uscita in questi giorni, dal titolo Ma Obama ha usato l'Ipnosi?.

Si tratta di un saggio curato da Charlie Fantechi. Psicologo e Psicoterapeuta di fama mondiale, Fantechi è specializzato in Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana, è Trainer di Programmazione Neuro Linguistica, certificato presso la NLP University di Robert Dilts a Santa Cruz (USA). “Nel mio ebook – ha dichiarato Fantechi – i lettori troveranno un’analisi approfondita delle tecniche del linguaggio ipnotico, con tanto di video reali delle campagne elettorali di Obama. E potranno farsi autonomamente un’idea sulle questioni chiave da cui sono partito: Obama ha usato l’ipnosi? Lo ha fatto volontariamente?”.

E’ da tener presente che le leggi americane vietano espressamente l'uso dell'ipnosi nelle campagne elettorali e di conseguenza, secondo alcuni analisti, potrebbe addirittura essere messo in discussione l'esito delle elezioni. Per questo motivo l'ebook su Obama si preannuncia come una di quelle pubblicazioni destinate a introdurre un salto nelle normali chiavi di interpretazione socio-politiche, spesso viziate da conformismo.

"La nostra casa editrice – ha sottolineato Giacomo Bruno, presidente di Bruno Editore – si occupa di formazione da molti anni e il nuovo ebook svela le tecniche di comunicazione ipnotica di uno dei migliori comunicatori al mondo. Quindi i nostri clienti e tutti gli appassionati di formazione potranno trovare una serie di spunti di grande interesse per la propria crescita personale. Ma da qui a pensare che l’ebook possa avere conseguenze politiche naturalmente ce ne corre. Certamente l'ipnosi e la persuasione sono strumenti che tutti i grandi comunicatori utilizzano quotidianamente, che ne siano consapevoli o meno. E' parte integrante della nostra comunicazione."

Le previsioni di diffusione dell’ebook Ma Obama ha usato l’iponosi? parlano di 20.000 copie già nei primi 7 giorni di lancio.
Bruno Editore è la casa editrice leader nel settore degli ebook, di cui detiene il 90% nel mercato italiano e il 3% nel mercato mondiale. Il modello "Bruno Editore" si fonda sul portale della casa editrice, tra i primi 100 siti italiani, con oltre 275.000 utenti registrati e più di 8 milioni di visitatori all’anno. Per essere aggiornati sulle ultime novità dall'osservatorio ebook clicca sul sito www.BrunoEditore.it.

martedì 11 ottobre 2011

Latte art


Che bello!!!


svegliarsi alla mattina con un bel cappuccino decorato!!!

Quando parliamo di filosofia legata agli alimenti, non possiamo non parlare di un cappuccino; ma non un semplice e banale cappuccino, parliamo di un'arte ben conosciuta dai barman italiani ma ben poco praticata per questioni di tempo, difficoltà e poca remunerazione.

Solitamente quando si va in un bar e si ordina un cappuccino, ci arriva una creazione simile a quella che abbiamo ordinato, ma vediamo se rispetta le vere caratteristiche:

Deve avere come minimo tre ingredienti: LATTE, CAFFE' e CACAO in polvere.

Il caffè deve rigorosamente essere un caffè espresso e di ottima qualità, avere una crema "leopardata" che tradotto significa vellutata e color marroncino chiaro.

Il latte possibilmente fresco dovrebbe essere intero perchè grazie ai numerosi (attenzione alle diete) grassi, monta molto meglio quando viene vaporizzato.

Il cacao, inutile dirlo, deve essere cacao amaro, in polvere e deve proveniente da un pannello di cacao di ottima manifattura.

Scelte le tre materie prime, solitamente si sbaglia a mescolarle: normalmente si usa fare un espresso, mettere sopra il latte montato e decorarlo con il cacao; il vero errore sta nel mettere il cacao che se rimane sulla superficie rovina la schiuma del nostro tanto amato cappuccino.

Per ovviare a questo il cacao dovrebbe essere messo sopra il caffè espresso e prima del latte, ma allora come decorarlo?? Ecco quì spiegato la famosa idea di qualche barman che ora sta diventando una vera e propria arte:   LATTE ART

Per capire meglio vi lascio a questo video ma vi ricordo che un vero e buon cappuccino è quello che quando lo bevi è "schiumato dentro", quello che vi sprigiona mille emozioni, quello che vi fa arrivare in ritardo al lavoro, chi vi appaga e di cui non potete farne a meno....


giovedì 6 ottobre 2011

Mele italiane o dal mondo??


Che siano italiane oppure straniere, le mele sono sempre un'ottima fonte di nutrimento...
il detto che una mela al giorno leva il medico di torno è sintetizzata da questi 5 punti:


 E' RICCA DI FRUTTOSIO E QUINDI FA MOLTO BENE ALLA SALUTE:
la mela è ricca di fibre che contengono la pectina che rallenta l'assorbimento degli zuccheri, nonchè contiene fruttosio uno zucchero meno calorico del glucosio e oltretutto regola la glicemia.

 OTTIMA PER LE DIETE, COMBATTE L'OBESITA' PERCHE' CONTRASTA LA FAME:
sempre la pectina, unendosi all'acqua crea una sorta di "gelatina" che al livello dello stomaco blocca la sensazione di appetito.




MORDENDOLA è OTTIMA PER I DENTI E LE GENGIVE:
questo frutto contiene una buona dose di acido ossalico che mordendolo sbianca i denti e massaggia le gengive. In più contiene vitamina B12 che serve per proteggere le mucose dell'intestino e della bocca.

E' UN OTTIMO REGOLATORE INTESTINALE:
se mangiate una mela cotta ne trarrete un beneficio lassativo mentre se la mangiate cruda avrà una funzione astringente grazie agli acidi citrico e acido malico. In oltre favorisce la digestione.

E PER CHI HA PROBLEMI DI COLESTEROLO 
la mela grazie alla pectina, riduce il colesterolo cattivo (LDL) e ne aumenta quello buono (HDL)

martedì 4 ottobre 2011

Pasta in bianco e sesso....




....ma tu guarda in cosa mi sono imbattuto su youtube!!!

Vorrei parlare di filosofia riguardo la cucina e devo dire che questo video ricopre questo scopo molto nobilmente....

Conosci Maddalena?? che tipa, parla di pasta in bianco e sesso (il problema in se stesso non è il sesso ma la pasta in bianco!!)

Devo dire che trovo questo video abbastanza provocatorio e penso che proverò a cimentarmi in questa "nuda" verità, voi che ne dite??  guarda il video :





Grande, devo dire che questa tipa mi piace molto....!! 
Personalmente credo anch'io che sia più facile andare in bianco che fare una buona pasta in bianco...!!


beh la sola cosa da dire è: buon appetito a tutti!!





Un turismo volto alla natura…anche a Venezia!






Se è vero che il turismo sostenibile nell’immaginario si collega principalmente ad un’immersione completa nella natura è pur vero che Venezia è immersa nella natura se si pensa che l’acqua è forse la maggior componente che si può trovare sulla crosta terrestre. 


Per questo è possibile adottare un atteggiamento green anche alloggiando in uno dei tanti Hotel 4 stelle venezia, o magari già dalla scelta che si fa di essi. 


Per esempio molte sono le strutture che attualmente propongono dettagliati servizi rispettosi per l’ambiente come saponette eco, attenzione agli sprechi, e molti altri servizi che chi ama la vita ecosostenibile conosce. 

Dall’hotel alle escursioni per la città molte sono le opportunità per creare situazioni eco compatibili e visitare la città in maniera pulita.
 

Una proposta molto interessante è quella che arriva dal mondo del ciclismo attraverso dei meravigliosi Venezia itinerari romantici o percorsi clicloturistici da effettuare per scoprire Venezia e tutta la sua laguna nonché le zone circostanti che si sviluppano tra terra e mare e che rimangono sempre le zone più suggestive d’Italia.




 E’ vero, il regolamento della polizia locale veneziana vieta la circolazione su velocipedi all’interno delle calli o nelle zone limitrofe delle Residenze di Venezia e delle vie ma alcune isole sono percorribili tranquillamente e non bisogna di certo omettere i territori sulla terra ferma che fanno parte del Comune come Mestre e Marghera. 


Tralasciando per l’appunto questi ultimi territori possiamo concentrarci nelle isole e nei percorsi in cui è consentito l’uso della bicicletta per rendere la nostra vacanza unica e rispettosa dell’ambiente. 
Il percorso più affascinante è senza ombra di dubbio quello che percorre tutta la laguna veneziana e che vede la sua partenza da Punta Sabbioni, facilmente raggiungibile con l’ACTV.



Da punta Sabbioni, proseguendo a sinistra si costeggia tutta la laguna fino ad arrivare ad un punto panoramico dal quale contemplare la bellissima città. 


Arrivati al ponte di Treporti si può deviare per Lio Piccolo contemplando la laguna che qui è ricca di barene. Arrivati a Cavallino a dopo aver percorso una parte di via Fausta si raggiunge il Ponte sulla Piave Vecchia da dove comincia Jesolo Lido. 


Quale miglior luogo per una merenda ristoratrice e una passeggiata all’interno del centro pedonale della zona balneare?! Se invece non siete ancora stanchi di pedalare girate subito a destra e proseguite sulla pista ciclabile da dove potrete indirizzarvi verso la direzione che costeggia la laguna. 


Arrivati al ponte del Sile prendete la stradina a destra…davanti a voi ci sono 5 km di strada percorribile interamente in bicicletta che passa proprio a pochi centimetri dalla laguna. Un’emozione unica per gli amanti dell’ambiente e dei bei paesaggi! Arrivati a Caposile per tornare nella città di Venezia non basta che attendere il treno presso la stazione o, se avete ancora energie, voltare la vostra bici e ripercorrere tutto al contrario! 



A cura di Martina Celegato