sabato 30 giugno 2012

Come insaporire i cibi??


Più gusto o più sale? Più dado o più glutamato??
a mio avviso insaporire i cibi è una vera e propria arte, ma EVITARE I FAMIGERATI DADI INDUSTRIALI è tutt'altra cosa...
Oggigiorno, siamo bombardati da mille pubblicità e sembra che i nostri piatti non riescano bene se non mettiamo questo dado, quel brodo, quel prodotto acidificante etc etc...
La realtà è che le nostre nonne sapevano cuocere meglio di noi e sapevano sfruttare al meglio i prodotti che la natura offriva.
Se prendessimo un qualsiasi alimento troveremmo tra gli ingredienti parole come "additivi" "emulsionanti" "aromi" "coloranti" etc etc. Praticamente mangiamo solo prodotti super trattati.
Beh, nella cambusa di mia nonna potevi trovare tantissimi prodotti naturali fatti da lei, che lei sapeva sapientemente conservare e ciclare nella maniera corretta; basti pensare alle marmellate, al sugo di pomodoro, agli acetelli, ai sott'olio, ai sotto spirito etc etc.

La cosa più speciale è che lei si preparava durante la stagione estiva molti preparati e insaporitori naturali che potevano conservarsi per svariati mesi nella sua scura cambusa. E' da li che io ho imparato a fare il mio insaporitore alla carne, al pesce, al basilico e alle verdure; oggi noi li chiameremmo "DADI", ma quelli della mia nonna erano naturali al 100%
Oggi mi sento buono e voglio lasciarvi questa sua meravigliosa ricetta (se lo sapesse mi strangolerebbe!!) in modo tale che anche voi possiate provare a farla. Una volta preparata si può conservare anche per 5 mesi meglio in frigo a mio avviso, e capirete che sostituire tutti questi velenosissimi dadi industriali non è poi così difficile.



     ok cominciamo con la ricetta:


  • 800 gr carne macinata

  • 500 gr bouquet garnì (sedano, carote, cipolla, salvia, rosmarino, aglio, pomodoro)

  • 400 gr sale grosso

  • 100 gr vino rosso tannico

  • 2 foglia di alloro

  • 2 chiodi di garofano

  • 50gr olio


Il procedimento è molto semplice, si pulisce e si trita tutta la verdura e si fa soffriggere assieme alla carne. una volta ben rosolato si aggiunge il vino corposo ricco di tannini, si fa evaporare e si aggiungono tutti gli altri ingredienti facendoli cuocere per 30 minuti. Trascorso il tempo si frullano con un blender o un mixer ad immersione e si rimettono nel fuoco fino che il composto non si addensi un pochino. Una volta ultimato questo processo si invasa nei vasetti e si fa pastorizza.






Con lo stesso sistema si possono preparare il dado di verdura, di pesce, di basilico di porcini etc etc.



Questo è veramente un prodotto stupendo, sano, naturale e etico... 






Nessun commento:

Posta un commento